giovedì 24 dicembre 2015

La fermata della linea 11 torna al capolinea originario

Dopo alcuni mesi, e per la felicità dei pendolari, proprio nel periodo di Natale arriva il regalo gradito del ritorno della fermata della linea 11 da e per Pellestrina al suo capolinea originario in piazzale Santa Maria Elisabetta.
A dare la lieta notizia ai pendolari che ogni giorno vanno dall’isola verso Venezia è il consigliere Alessandro “Marta” Scarpa, che di questo spostamento di fermata aveva fatto uno dei suoi argomenti di discussione in sede di consiglio. Come richiesto con insistenza negli ultimi mesi, da oggi i bus della linea 11 per Pellestrina torneranno a partire dal piazzale, proprio davanti ai vaporetti, e non più dal Gran Viale, dove ora sono in corso lavori che non permettono più la presenza della fermata in questione.
«Dopo molte segnalazioni», dice il consigliere Scarpa, «Documentazione fotografica e telefonate anche con toni molto forti, finalmente si è capito che il posizionamento
del capolinea della linea 11, in Gran Viale creava problemi ai pendolari, in particolare a persone anziane e disabili. Ora finalmente tutte le persone, in caso di pioggia o maltempo, possono ripararsi nelle stazioni di attesa dei pontili Actv e non attendere al freddo». (ma.to.)

domenica 13 dicembre 2015

Fermata del bus, slalom tra i cantieri



Slalom tra transenne e cantieri dei lavori in corso: solo così si può prendere il bus di linea 11 a Santa Maria Elisabetta (in foto). «È pericoloso», ci segnala una lettrice, ricordando che il capolinea dei bus per Pellestrina è lontano dal terminal dei vaporetti.

lunedì 7 dicembre 2015

Trovata una lumaca nel cibo della scuola

Denuncia dei genitori della "Loredan". Le mamme: "E il Comune ci ha pure aumentato i buoni pasto" 

Sarà piccola e innocua, ma trovarsi una lumaca nell’insalata può essere spiacevole. I Comitati Mense comunque tranquillizzano i genitori dicendo che le cucine lavorano in maniera molto seria. L’episodio è avvenuto qualche giorno fa durante il pranzo in mensa nella scuola Pietro Loredan a Pellestrina quando, una ragazza di seconda media, si è vista spuntare dall’insalata una lumachina. La ragazzina l’ha portata all’insegnante che le ha detto che non era nulla di grave e di buttarla via. I compagni hanno fotografato il piatto e raccontato a casa l’accaduto, tanto che alla fine la voce è arrivata ai Comitati Mense che hanno avvisato Ames.
«Ci hanno anche aumentato il buono mensa», ha detto un genitore della classe, «e pretendo di avere la sicurezza che il cibo sia lavato. Certo, non è uno scarafaggio, ma la professoressa lo doveva segnalare come prevede il modulo per le mense». Ames ha comunque risposto subito, dicendo che avrebbe fatto chiarezza, ma intanto interviene la referente genitori Comitato Mense della Municipalità. «Su richiesta dei genitori», spiega Lazzarini «è stato cambiato il tipo di insalata che viene servita nelle mense: prima c’era la scarola, amara e poco appetibile per i bambini, ma che garantiva maggiormente perché arrivava impacchettata. Ora viene
servita la lattuga, biologica, quindi senza pesticidi. Nei centri cottura l’insalata viene lavata più volte con microclor (simile a amuchina) e poi centrifugata. Ames cercherà di capire con la ditta che trasporta l’insalata cos’è successo, ma non è da attribuire all’incuria del personale».

martedì 1 dicembre 2015

Pulizia dei murazzi intervento concluso grazie ai volontari

Con la settima uscita nel corso degli ultimi due mesi, si è conclusa sabato l’iniziativa di volontariato per la pulizia dei camminamenti del murazzo Zendrini. Tanti i residenti che vi hanno preso parte, cittadini che hanno voluto dare il loro contributo per la pulizia del verde pubblico e appartenenti a varie associazioni dell’isola.
Nel corso delle uscite, che hanno visto decine di persone coinvolte e il supporto di Veritas per la rimozione e lo stoccaggio dei materiali raccolti, sono stati liberati da rovi, erba alta, rifiuti e rami secchi circa due chilometri di murazzo. «Una zona che prima era abbandonata, e dove non era possibile camminarci nonostante le caratteristiche del murazzo fossero proprio quelle», commenta Alessandro Scarpa Marta (in foto), consigliere comunale delegato per le isole.
«Lungo Strada comunale dei Murazzi, inoltre, i rami sporgevano nella carreggiata, e più volte sia gli autobus di linea
che le auto ci sono finiti contro. Tutto questo degrado era dovuto alla poca manutenzione e alla mancanza di controlli di chi ha in gestione il verde dell’isola. Ringrazio tutti i volontari che hanno lavorato in queste sette giornate ecologiche per amore del proprio territorio». (s.b.)